{JEU ONLINE} ARCHIVES DE L'ABBAYE SAINT-ARNVALD DE NOIRLAC, MERE DE L'ORDRE CISTERCIEN

FORUM D'ARCHIVES DE L'ORDRE CISTERCIEN, RELIE AU JEU ONLINE LES ROYAUMES RENAISSANTS.
 
AccueilAccueil  S'enregistrerS'enregistrer  Calendrier des cérémonies  ConnexionConnexion  RomeRome  BerryBerry  Cistercian networkCistercian network  FORUM LIE AU JEU "RR" (pas la réalité)  

Partagez | 
 

 [Fornovo] Intronisation nouvel abbé

Aller en bas 
AuteurMessage
Eloin
Recteur de l'Ordre de Cîteaux
avatar

Nombre de messages : 5506
Age : 31
résidence ds les RR : Abbaye Ste-Illinda, Guyenne
Date d'inscription : 13/02/2008

MessageSujet: [Fornovo] Intronisation nouvel abbé   Mer 29 Sep - 17:24

Consécration de Onidala comme abbé

Spoiler:
 

Citation :
Eloin aspettò pazientemente che fratello Onidala abbia finito le sue azioni di grazia, si avvicinò verso lui poi. Aveva appena esattamente si ricordato che questo era avuto lei di ufficiale in questo giorno. Con un sorriso, iniziò il rito dell'intronizzazione ponendo le sue mani sulla testa del futuro abate di Fornovo.


Al nome del nostro Dio tutto potente, fratello Onidala, accetti di diventare il nuovo abate di Fornovo?

Accetti la pesante e difficile missione di essere il capo di tutti i monaci che fanno parte di questa abbazia?



Mille perdoni per il termine di risposta.

_________________
Vice Chancelière de la Congrégation des Affaires du Siècle, Rectrice de l'Ordre Cistercien
Illustrations Religieuses


Dernière édition par Eloin le Dim 16 Jan - 16:07, édité 1 fois
Revenir en haut Aller en bas
Eloin
Recteur de l'Ordre de Cîteaux
avatar

Nombre de messages : 5506
Age : 31
résidence ds les RR : Abbaye Ste-Illinda, Guyenne
Date d'inscription : 13/02/2008

MessageSujet: Re: [Fornovo] Intronisation nouvel abbé   Mer 29 Sep - 18:16

Entrée dans l'abbatiale et début de messe.

Citation :
Eloin pria silencieusement en attendant que frère Onidala achève ses actions de grâce, puis invita les moines, clers et prélats présents a former la procession, afin de débuter la messe du jour.


En premier, les novices de l'abbaye de Fornovo firent leur entrée ; suivis du primat et des deux archevêques italiens, ensuite les oblats et moines de Fornovo. Enfin, entouré de mère Eloin et de frère Rapha13, frère Onidala ferma la marche qui s'arrêta a deux pas du choeur.

Chacun alla rejoindre sa place, la Grand Prieur se plaça derrière l'autel.


Bienvenue a tous, frères et soeurs cisterciens, dans l'Eglise de cette belle abbaye de Fornovo.

Aujourd'hui nous allons procéder a la consécration de frère Onidala en tant que nouvel abbé ; puis ce dernier pourra légitimement introniser les novices devant devenir cisterciens a part entière. Nous allons commencer la cérémonie par la bénédiction de ce lieu.


La Grande Prieuse prit sur l'autel une flasque d'eau, se plaça au milieu de l'abbatiale, et posa la flasque au dessus de sa tête.

Face à l'eau symbole de pureté, que l'Eau aristotélicienne purifie et bénisse les moines, moniales, oblats et oblates présents dans cette église.


Reposant la flasque, Eloin prit le petit brasier et recommença le petit cirque, en se mettant à nouveau au centre de la nef et en priant.

Face à la flamme du brasier qui monte vers le ciel, que le Feu aristotélicien purifie et donne bénédiction à tous les fidèles venues nombreux pour acclamer la gloire du tout puissant.


Vint le tour de l'encens. Eloin se saisit de l'encensoir, et, tout en le balançant d'avant en arrière pour que s'échappe la fumée bienfaisante, elle bénit l'assemblée, et plus particulièrement les grands prélats.

Face à l'odeur de l'encens qui chasse les mauvaises émanations, que l'Air aristotélicien purifie et bénisse les frères et soeurs présents a cette cérémonie.


Eloin prit ensuite la pierre taillée, symbole de la terre, pour continuer la bénédiction sur le quatrième et dernier élément. Elle porta la pierre au dessus de sa tête.

Face à la pierre taillée, socle fondateur sur lequel repose toute l'architecture de l'édifice de notre Sainte Eglise Aristotélicienne, que la Terre aristotélicienne purifie et bénit tous les novices de l'abbaye et de l'ordre cistercien.


La moniale reposa la pierre sur l'autel, puis se retourna vers l'assemblée.

Que l'Ether aristotélicien achève lui-même ce les autres éléments ont débutés. Et que cette bénédiction permette à la quintessence divine de descendre sur cette abbatial et y demeure à jamais.

Saints Archanges, qui nous soutenez dans tous nos justes combats, qui nous protégez de nous même comme vous avez protégé les justes à Oanylone, qui portez nos âmes devant notre Juge et Créateur, bénissez tous les membres de la communauté aristotélicienne en général et cistercienne en particulier.

Que les Saints Archanges et les saints Apôtres Titus et Kyrène, dont la puissance et l'autorité à notre confiance, intercèdent personnellement pour nous auprès du Très Haut !


Enfin, Eloin laissa a frère Rapha l'honneur de réciter la confession devant toute l'assemblée.

Citation :
Je confesse a Dieu Tout Puissant,
A tous les Saints,
Et a vous aussi, mes amis,
Parce que j'ai beaucoup pêché,
En pensées, en paroles, en actions.

Je supplie tous les saints,
Et vous, mes amis,
De prier le Créateur pour moy,
Que le Très Haut nous accorde le pardon,
L'absolution et la rémission de tous nos pêchés,

Amen.

_________________
Vice Chancelière de la Congrégation des Affaires du Siècle, Rectrice de l'Ordre Cistercien
Illustrations Religieuses
Revenir en haut Aller en bas
Eloin
Recteur de l'Ordre de Cîteaux
avatar

Nombre de messages : 5506
Age : 31
résidence ds les RR : Abbaye Ste-Illinda, Guyenne
Date d'inscription : 13/02/2008

MessageSujet: Re: [Fornovo] Intronisation nouvel abbé   Lun 4 Oct - 12:59

Eloin pregò silenziosamente in attesa che fratello Onidala finisce le sue azioni di grazia, invitò i monaci poi, i religiosi e i prelati presenti a formare la processione, per esordire la messa del giorno.


In primo, le novizie dell'abbazia di Fornovo fecero la loro entrata; seguiti del primate e dei due arcivescovi italiani, poi gli oblati e monaci di Fornovo. Infine, cinto di madre Eloin e di fratello Rapha, fratello Onidala chiuse la marcia che si fermò a due passi del coro.

Ciascuno andò a raggiungere il suo posto, il Grande Priore si mise dietro l'altare.


Benvenuto a tutti, fratelli e sorelle cistercensi, nella chiesa di questa bella abbazia di Fornovo.

Oggi andiamo a procedere alla consacrazione di fratello Onidala in quanto nuovo abate; poi questo ultimo potrà intronizzare legittimamente le novizie davanti a diventare cistercensi a parte intera.

Andiamo a cominciare la cerimonia dalla benedizione di questo luogo.

Il Grande Priore prese sull'altare una fiasca di acqua, si mise nel mezzo della chiesa abbaziale, e pose la fiasca al disopra della sua testa.

Faccia all'acqua simbolo di purezza, che l'acqua aristotelica purifica e benedicesse i monaci ed oblati presenti in questa chiesa.

Rimettendo la fiasca, Eloin prese il piccolo braciere e ricominciò il suo circo, mettendosi di nuovo al centro della navata e pregando.

Faccia alla fiamma del braciere che sale verso il cielo, che il Fuoco aristotelico purifica e dia benedizione a tutti i fedeli venuti numerosi per acclamare la gloria del tutto potente.

Viene il giro dell'incenso. Eloin si impadronisce dell'incensiere, e, pure dondolandolo indietro di parte anteriore affinché scappa il fumo benefico, benedice l'assemblea, e più particolarmente i grandi prelati.

Faccia all'odore dell'incenso che caccia le cattive emanazioni, che l'aria aristotelica purifica e benedicesse i fratelli e sorelle presenti ha questa cerimonia.

Eloin prese poi la pietra tagliata, simbolo della terra, per continuare la benedizione sul quarto ed ultimo elemento. Portò la pietra al disopra della sua testa.

Faccia alla pietra tagliata, zoccolo fondatore su che rimette tutta l'architettura dell'edificio della nostra Santa Chiesa Aristotelica, che la Terra aristotelica purifica e benedetto tutte le novizie dell'abbazia e dell'ordine cistercense.

Eloin rimise la pietra sull'altare, si rigirò verso l'assemblea poi.

Che l'etere aristotelico finisce sé questo gli altri elementi hanno esordito. E che questa benedizione permetta alla quintessenza divina di scendere su questo abbaziale e rimanga per sempre.

Santi Arcangeli che ci sostengono in tutti i nostri giusti combattimenti che ce ci proteggono di stesso siccome avete protetto i giusto ad Oanylone che porta le nostre anime davanti al nostro Giudice e Creatore, benedite in generale tutti i membri della comunità aristotelica e cistercense.

Che i Santi Arcangeli ed il santo Apostoli Tito e Kyrène di cui il potere e l'autorità alla nostra fiducia, intercedono personalmente per noi vicino al Molto Alto!

Infine, Eloin lasciò a fratello Rapha l'onore di recitare la confessione davanti a tutta l'assemblea.

..............

Citation :
Confesso a Dio Tutto Potente, A tutti i Santi, E anche voi, i miei amici, perché ho pescato molto, In pensieri, in parole, in azioni.

Supplico tutti i santi, E voi, i miei amici, Di pregare il Creatore per me, Che il Molto Alto c'accorda il perdono, L'assoluzione e la remissione di tutto i nostri pescati,

Amen.

_________________
Vice Chancelière de la Congrégation des Affaires du Siècle, Rectrice de l'Ordre Cistercien
Illustrations Religieuses
Revenir en haut Aller en bas
Eloin
Recteur de l'Ordre de Cîteaux
avatar

Nombre de messages : 5506
Age : 31
résidence ds les RR : Abbaye Ste-Illinda, Guyenne
Date d'inscription : 13/02/2008

MessageSujet: Re: [Fornovo] Intronisation nouvel abbé   Dim 10 Oct - 12:06

Citation :
Eloin remercia frère Rapha d'un signe de tête, puis récita la confession. Frère Onidala prit alors la parole, Eloin attendit donc qu'il ait achevé son discours pour continuer la messe.

Elle ouvrit le Livre des Vertus et entama la lecture d'un texte grandement connu de tous les fidèles aristotéliciens.


Citation :
-La fine dei tempi I: Il sogno

Io, Ysupso di Alessandria, pio credente d'Egitto, vi descriverò la rivelazione che mi fu fatta in sogno. Potrebbe sembrare strano considerare un sogno come un premonizione veritiera, ma la lettura delle mie rivelazioni vi mostrerà che non si tratta di un sogno ordinario. Ringrazio l’Altissimo per avermi affidato la missione divina di trasmettere al mondo la Sua volontà.

Il mio sogno cominciò con una luce tenue bianca. Avevo la sensazione di svegliarmi e, come al mattino presto, emergevo poco a poco del mio stato letargico. La luce portò, secondo il mio risveglio immaginario, una relativa serie di sfumature. Finisco per vedere un gruppo di esseri umani dalle grandi ali d’uccello, sormontati da un anello luminoso. Risplendevano d'amore e di dolcezza. I loro sguardi erano pieni di bontà e tenerezza.

Avevo di fronte a me tutti gli uomini che, con la loro vita santa e virtuosa, avevano raggiunto lo stato di angeli. Sette di loro superavano i loro compagni per la sensazione di benessere che avvertivo in loro presenza. Riconobbi senza difficoltà i sette arcangeli benedetti da Dio: Giorgio, patrono dell'amicizia, Uriele, patrono della generosità, Raffaella, patrona della convinzione, Gabriele, patrono della temperanza, Michele, patrono della giustizia, Silfaele, patrono del piacere, e Galadriella, patrona della perseveranza.

Dietro loro, vedevo vasti paesaggi idilliaci. Tutto risplendeva di bellezza e faceva desiderare di restarvi per l'eternità. Ma sembrava molto vuoto. Potevo ammirare gli innumerevoli eletti, che popolano il Paradiso, sul viso dei quali si manifestava la beatitudine. Vedendo tale felicità riempire coloro che avevano vissuto nella virtù, mi rallegravo per loro e speravo di poterli raggiungere.

Allora, intesi una voce dura e serena dirmi: "Coloro che vedi qui sono coloro che hanno saputo guadagnare il Paradiso, secondo la parola che ho affidato a Aristotele ed a Christos." Ma sappi che il futuro non sarà così radioso per tutti ". Io capii che era Dio stesso che mi inviava questo messaggio divino. Allora, gli angeli mi lasciarono solo, in comunione con l’Altissimo. "Osserva nella pozza d'acqua ai tuoi piedi", mi disse.

Vidi allora un bel paese. Il calore morbido del sole accarezzava gli alberi da frutto, nutriva le spighe di grano, che si ergevano, fiere, verso il cielo, e dava tutto il suo amore alla verdura, che prosperava. Più lontano, potei vedere le mucche nutrirsi placidamente, accompagnate da pecore controllate dal loro pastore. La brezza piacevole prestava la sua forza al lavoro del mugnaio facendo girare le pale del mulino.

Il mare forniva ai pescatori molti pesci, per nutrirli, ed emanava i suoi profumi rustici ma così piacevoli per coloro che sapevano apprezzarli. Nel cuore di questa vita pacifica, una città, cinta di mura, brulicante d'attività. Gli artigiani lavoravano per fornire alla popolazione tutto ciò di cui aveva bisogno ed i commercianti facevano l'elogio delle loro merci ai clienti che andavano al mercato.

I bambini giocavano, ridendo e correndo lungo le vie animate. Dalle taverne uscivano le risa e i rumori dei liquidi che venivano versati nei boccali. Un piccolo gruppo si accalcava attorno al sindaco, che ascoltava le loro domanda e vi rispondeva. Le campane si misero a suonare ed un gran numero di abitanti uscì dalle loro case per andare alla messa.

Ysupso

Mes frères, mes soeurs, je ne vous ferais pas l'affront de vous expliquer l'essence de ce texte, vous le connaissez par coeur, puisqu'il est souvent repris dans les messes, ou dans certains enseignements diffusés par les séminaires aristotéliciens.

Souvenons-nous, par contre, des vertus portées par les sept archanges, tentons tous autant que nous sommes, de suivre le chemin qu'ils nous proposent.


Puis Eloin invita toutes les personnes présentes a réciter la prière universelle.

[b]Io credo in Dio, Altissimo ed Onnipotente,
Creatore del Cielo e della Terra,
Dell'Inferno e del Paradiso,
Giudice della nostra anima nell'ora della nostra morte.

In Aristotele, suo profeta,
Il figlio di Nicomaco e Phaetis,
Inviato per insegnare la saggezza
E le leggi divine dell'Universo agli uomini smarriti.

Io credo anche in Christos,
Nato da Maria e Josef.
Egli ha votato la sua vita a mostrarci il cammino del Paradiso.
E' così che dopo aver sofferto sotto Ponzio,
Egli è morto nel martirio per salvarci.
Egli ha raggiunto il Sole dove l'attendeva Aristotele alla destra dell'Altissimo.

Io credo nell'Azione Divina;
Nella Santa Chiesa Aristotelica Romana, Una ed Indivisibile;
Nella comunione dei Santi;
Nella remissione dei peccati;
Nella Vita Eterna.

AMEN

_________________
Vice Chancelière de la Congrégation des Affaires du Siècle, Rectrice de l'Ordre Cistercien
Illustrations Religieuses
Revenir en haut Aller en bas
Eloin
Recteur de l'Ordre de Cîteaux
avatar

Nombre de messages : 5506
Age : 31
résidence ds les RR : Abbaye Ste-Illinda, Guyenne
Date d'inscription : 13/02/2008

MessageSujet: Re: [Fornovo] Intronisation nouvel abbé   Dim 10 Oct - 12:11

Eloin ringraziò fratello Rapha di un segno di testa, recitò la confessione poi. Fratello Onidala prese allora la parola, Eloin aspettò dunque che abbia finito il suo discorso per continuare la messa.

Aprì il Libro delle Virtù ed iniziò la lettura di un testo grandemente conosciuto di tutti i fedeli aristotelici.


    La fine dei tempi I: Il sogno

    Io, Ysupso di Alessandria, pio credente d'Egitto, vi descriverò la rivelazione che mi fu fatta in sogno. Potrebbe sembrare strano considerare un sogno come un premonizione veritiera, ma la lettura delle mie rivelazioni vi mostrerà che non si tratta di un sogno ordinario. Ringrazio l’Altissimo per avermi affidato la missione divina di trasmettere al mondo la Sua volontà.

    Il mio sogno cominciò con una luce tenue bianca. Avevo la sensazione di svegliarmi e, come al mattino presto, emergevo poco a poco del mio stato letargico. La luce portò, secondo il mio risveglio immaginario, una relativa serie di sfumature. Finisco per vedere un gruppo di esseri umani dalle grandi ali d’uccello, sormontati da un anello luminoso. Risplendevano d'amore e di dolcezza. I loro sguardi erano pieni di bontà e tenerezza.

    Avevo di fronte a me tutti gli uomini che, con la loro vita santa e virtuosa, avevano raggiunto lo stato di angeli. Sette di loro superavano i loro compagni per la sensazione di benessere che avvertivo in loro presenza. Riconobbi senza difficoltà i sette arcangeli benedetti da Dio: Giorgio, patrono dell'amicizia, Uriele, patrono della generosità, Raffaella, patrona della convinzione, Gabriele, patrono della temperanza, Michele, patrono della giustizia, Silfaele, patrono del piacere, e Galadriella, patrona della perseveranza.

    Dietro loro, vedevo vasti paesaggi idilliaci. Tutto risplendeva di bellezza e faceva desiderare di restarvi per l'eternità. Ma sembrava molto vuoto. Potevo ammirare gli innumerevoli eletti, che popolano il Paradiso, sul viso dei quali si manifestava la beatitudine. Vedendo tale felicità riempire coloro che avevano vissuto nella virtù, mi rallegravo per loro e speravo di poterli raggiungere.

    Allora, intesi una voce dura e serena dirmi: "Coloro che vedi qui sono coloro che hanno saputo guadagnare il Paradiso, secondo la parola che ho affidato a Aristotele ed a Christos." Ma sappi che il futuro non sarà così radioso per tutti ". Io capii che era Dio stesso che mi inviava questo messaggio divino. Allora, gli angeli mi lasciarono solo, in comunione con l’Altissimo. "Osserva nella pozza d'acqua ai tuoi piedi", mi disse.

    Vidi allora un bel paese. Il calore morbido del sole accarezzava gli alberi da frutto, nutriva le spighe di grano, che si ergevano, fiere, verso il cielo, e dava tutto il suo amore alla verdura, che prosperava. Più lontano, potei vedere le mucche nutrirsi placidamente, accompagnate da pecore controllate dal loro pastore. La brezza piacevole prestava la sua forza al lavoro del mugnaio facendo girare le pale del mulino.

    Il mare forniva ai pescatori molti pesci, per nutrirli, ed emanava i suoi profumi rustici ma così piacevoli per coloro che sapevano apprezzarli. Nel cuore di questa vita pacifica, una città, cinta di mura, brulicante d'attività. Gli artigiani lavoravano per fornire alla popolazione tutto ciò di cui aveva bisogno ed i commercianti facevano l'elogio delle loro merci ai clienti che andavano al mercato.

    I bambini giocavano, ridendo e correndo lungo le vie animate. Dalle taverne uscivano le risa e i rumori dei liquidi che venivano versati nei boccali. Un piccolo gruppo si accalcava attorno al sindaco, che ascoltava le loro domanda e vi rispondeva. Le campane si misero a suonare ed un gran numero di abitanti uscì dalle loro case per andare alla messa.

    Ysupso


Fratelli, Sorelle, non vi farei l'affronto di spiegarvi la benzina di questo testo, lo conoscete a memoria, poiché è ripreso spesso nelle messe, o in certi insegnamenti diffusi dai seminari aristotelici.

Ricordiamoceci, invece, delle virtù portate dai sette arcangeli, tentiamo tanto di quanto noi siamo tutti, di seguire la strada che ci propongono.


Poi Eloin invitò tutte le persone presenti a recitare la preghiera universale.

    Io credo in Dio, Altissimo ed Onnipotente,
    Creatore del Cielo e della Terra,
    Dell'Inferno e del Paradiso,
    Giudice della nostra anima nell'ora della nostra morte.

    In Aristotele, suo profeta,
    Il figlio di Nicomaco e Phaetis,
    Inviato per insegnare la saggezza
    E le leggi divine dell'Universo agli uomini smarriti.

    Io credo anche in Christos,
    Nato da Maria e Josef.
    Egli ha votato la sua vita a mostrarci il cammino del Paradiso.
    E' così che dopo aver sofferto sotto Ponzio,
    Egli è morto nel martirio per salvarci.
    Egli ha raggiunto il Sole dove l'attendeva Aristotele alla destra dell'Altissimo.

    Io credo nell'Azione Divina;
    Nella Santa Chiesa Aristotelica Romana, Una ed Indivisibile;
    Nella comunione dei Santi;
    Nella remissione dei peccati;
    Nella Vita Eterna.

    AMEN


_________________
Vice Chancelière de la Congrégation des Affaires du Siècle, Rectrice de l'Ordre Cistercien
Illustrations Religieuses
Revenir en haut Aller en bas
Eloin
Recteur de l'Ordre de Cîteaux
avatar

Nombre de messages : 5506
Age : 31
résidence ds les RR : Abbaye Ste-Illinda, Guyenne
Date d'inscription : 13/02/2008

MessageSujet: Re: [Fornovo] Intronisation nouvel abbé   Dim 10 Oct - 12:27

Con un sorriso, Eloin iniziò il rito dell'intronizzazione ponendo le sue mani sulla testa del futuro abate di Fornovo.


Al nome del nostro Dio tutto potente, fratello Onidala, accetti di diventare il nuovo abate di Fornovo?

Accetti la pesante e difficile missione di essere il capo di tutti i monaci che fanno parte di questa abbazia?


............

_________________
Vice Chancelière de la Congrégation des Affaires du Siècle, Rectrice de l'Ordre Cistercien
Illustrations Religieuses
Revenir en haut Aller en bas
Eloin
Recteur de l'Ordre de Cîteaux
avatar

Nombre de messages : 5506
Age : 31
résidence ds les RR : Abbaye Ste-Illinda, Guyenne
Date d'inscription : 13/02/2008

MessageSujet: Re: [Fornovo] Intronisation nouvel abbé   Dim 16 Jan - 16:08

Allora, Eloin dicchiara a tutti.

Fratelli e sorelle ! Al nome del Altissimo, e per la gloria di questa abbazia, ecco il vostro nuovo abate, il padre Quarion !

_________________
Vice Chancelière de la Congrégation des Affaires du Siècle, Rectrice de l'Ordre Cistercien
Illustrations Religieuses
Revenir en haut Aller en bas
Contenu sponsorisé




MessageSujet: Re: [Fornovo] Intronisation nouvel abbé   

Revenir en haut Aller en bas
 
[Fornovo] Intronisation nouvel abbé
Revenir en haut 
Page 1 sur 1
 Sujets similaires
-
» Cellier: Nouvel Arrivage!
» Nouvel an chinois 2011
» [RP] Intronisation d'Alcidie
» Nouvel errata
» Cérémonie d'intronisation des aspirants

Permission de ce forum:Vous ne pouvez pas répondre aux sujets dans ce forum
{JEU ONLINE} ARCHIVES DE L'ABBAYE SAINT-ARNVALD DE NOIRLAC, MERE DE L'ORDRE CISTERCIEN  :: Bibliothèque Cistercienne Sainte Illinda :: cérémonies types-
Sauter vers: